mercoledì 30 gennaio 2019

Aspettativa di vita e finestre, così le ultime modifiche al pacchetto pensioni

Con la pubblicazione del decreto legge 4/2019 (e anche della circolare dell'Inps) ha trovato la sua forma definitiva il pacchetto pensionistico basato sull'introduzione di Quota 100 che comprende però anche altre novità sulla pensione anticipata, su "opzione donna" e su altri capitoli previdenziali. Con gli ultimi ritocchi si chiariscono anche i residui dubbi che erano stati evidenziati nel post precedente.

Nell'ultima versione del decreto il congelamento a 42 anni e 10 mesi (uno in meno per le donne) del requisito per la pensione anticipata è stato limitato temporalmente, fino al 2026. Dall'anno successivo quindi ripartirà il meccanismo di adeguamento. Adeguamento al quale non è invece soggetto il requisito anagrafico dei 62 anni per Quota 100, che del resto al momento risulta in vigore solo fino al 2021.

Infine, quanto a opzione donna, con la circolare Inps è stato precisato che in caso di requisiti maturati in passato la decorrenza effettiva della pensione (prevista dopo un anno per le lavoratrici dipendenti e 18 mesi per le autonome) non può comunque essere anteriore al 30 gennaio, giorno successivo a quello di entrata in vigore del decreto. Di tutti questi aspetti anche di dettaglio tiene ora il calcolo su www.irpef.info/pensionequando.html

Nessun commento:

Posta un commento